Regent 2B
Sicurezza
 

27/08/2013

Share    

Boole Server punta agli USA

Entro il prossimo anno la società milanese prevede di portare la sua piattaforma di sicurezza anche su tale mercato

Entro il 2014 la milanese Boole Server ha previsto di sbarcare sul mercato americano, un’operazione in fase di finalizzazione attraverso la quale punta a sfidare direttamente in casa i colossi della sicurezza informatica con la sua omonima piattaforma. L’obiettivo di quest’ultima è quello di superare il concetto di sicurezza perimetrale (firewall, antivirus, etc.) proponendo un sistema in grado di proteggere dal furto e dall’utilizzo improprio il contenuto di qualunque documento riservato, rendendo i dati disponibili in modo controllato e stabilendo selettivamente coloro che possono accedere, in quale modo, quando e per quanto tempo. Il sistema consente di utilizzare i file anche collegandosi dall’esterno e con diversi tipi di device (tablet, laptop, smartphone). Boole Server, oggi già presente in Gran Bretagna, Francia, Germania, Medio Oriente, Far East e America Latina, ha chiuso il fatturato 2012 con 2 milioni di euro prevedendo un aumento del 30% nell’attuale esercizio.
 

 

TORNA INDIETRO >>