Regent 2B
Sicurezza
 

25/06/2012

Share    

Blue Coat lancia Unified Security perché i ‘confini’ aziendali sono cambiati

Quando la rete aziendale è disegnata dagli utenti, allora bisogna cambiare l’approccio alle politiche di sicurezza

 

Quando la rete aziendale è disegnata dagli utenti, allora bisogna cambiare l’approccio alle politiche di sicurezza

 

 

I confini delle aziende sono cambiati e oggi sono gli utenti a disegnare l’ambiente di rete aziendale. Da questa consapevolezza è partita Blue Coat, fornitore di soluzioni di sicurezza web e ottimizzazione delle WAN, per realizzare la soluzione Unified Security, che consente alle aziende di ampliare il perimetro di sicurezza, includendo tutti gli utenti che utilizzano dispositivi su reti differenti. Blue Coat Unified Security è una soluzione di sicurezza web che sfrutta tecnologie e infrastrutture brevettate e integrate nelle appliance, ma anche un servizio di sicurezza in the cloud, per garantire, in modo trasparente, policy e protezione costanti a tutti gli utenti.

 

La soluzione Unified Security include in tutte le appliance Secure Web Gateway: Global Threat Defense, un sistema di difesa globale dalle minacce, Universal Policy, una policy universale, e Unified Reporting, una funzionalità di reporting unificato. Il servizio di sicurezza ‘Web in the cloud’, garantisce invece la flessibilità necessaria per implementare una soluzione che soddisfi al meglio le specifiche esigenze aziendali. Questa flessibilità di implementazione consente alle imprese di proteggere l’investimento fatto nelle risorse esistenti, estendendo al contempo la sicurezza alle filiali e agli utenti mobili o che operano in remoto.


“I confini delle aziende multi filiali sono sempre più labili a causa dell’aumento dei dispositivi mobili e dell’intensificarsi della ‘consumerizzazione’ delle applicazioni sulla rete aziendale – spiega Steve Schick, senior director corporate communication di Blue Coat. Gli utenti che accedono alla rete con più dispositivi e da qualsiasi postazione, creano una breccia nel sistema di sicurezza delle aziende”. Secondo il report sulla sicurezza web di Blue Coat relativo al 2012, il social networking è stata la seconda categoria di contenuti più richiesta dagli utenti di dispositivi Apple iOS. I Security Labs di Blue Coat, inoltre, nello stesso report rilevano che nel 2011 il social networking, veicolo di un attacco da reti malware ogni 16, è stato il terzo vettore in ordine di importanza.

 

 

Le risposte a un contesto cambiato

 


“Dato il contesto attuale, proteggere la rete significa proteggere l’utente e le tradizionali soluzioni di sicurezza non sono attrezzate per difendere, controllare e gestire costantemente utenti che si spostano dal proprio ufficio a una filiale, da un device a un altro”. La soluzione Blue Coat Unified Security offre funzionalità di difesa globale dalle minacce, policy universale e di reporting unificato a tutta l’impresa. In particolare, Global Threat Defense, offre una protezione continua di livello enterprise, supportata dal sistema di difesa collaborativo Blue Coat WebPulse. Utilizzando richieste e valutazioni in tempo reale, WebPulse fornisce una visibilità completa degli ecosistemi web e di malnet (rete malware).


Universal Policy consente di creare policy globali che seguono costantemente l’utente attraverso tutte le reti e su tutti i dispositivi in un contesto di azienda estesa. Con Universal Policy, l’impresa può impostare policy di sicurezza, di utilizzo accettabile, di conformità e produttività in base alle situazioni e ai dispositivi dell’utente.


Unified Reporting di Blue Coat è come una ‘finestra’ che consente di visualizzare tutto il comportamento dell’utente e del web. “Grazie a questa panoramica globale che evidenzia tutti i prodotti e le postazioni, l’impresa estesa ha a disposizione uno strumento per analizzare il comportamento in modo da identificare i rischi per la sicurezza e applicare provvedimenti basati su policy”.


R.V.
 

 

TORNA INDIETRO >>