Estate 2020
Datacenter
 

19/06/2018

Share    

In anteprima con Fiore il WiFi ibrido di Allied Telesis

Disponibile da settembre, la soluzione include un nuovo controller software SCA e un nuovo AP wireless a doppio protocollo.

TQ5403

Il primo sistema ibrido WiFi al mondo che può supportare simultaneamente architetture single-channel e multicanale. Così viene definita la soluzione Allied Telesis che il distributore a valore Fiore ha di recente presentato in anteprima nazionale che sarà disponibile da settembre 2018. Nel dettaglio si parla di un nuovo AP wireless e un software di controllo avanzato studiati per offrire ai clienti una maggiore flessibilità di progettazione per sfruttare i vantaggi specifici di ciascuna architettura wireless, massimizzando l'esperienza dell'utente e riducendo la complessità e il costo dell'infrastruttura.

Massimizzare il ROI
“Una crescita inarrestabile del numero di utenti mobili che richiedono connessioni WiFi con grande larghezza di banda per le applicazioni aziendali e di intrattenimento sta sollecitando le reti wireless tradizionali, costringendo i manager IT a rivalutare continuamente prestazioni e capacità di rete”, ha dichiarato Seiichiro Sato, Vicepresidente Senior, Global Marketing per Allied Telesis. “Piuttosto che chiedere ai responsabili IT di decidere tra un protocollo o l'altro, il nostro nuovo sistema wireless ibrido consente l'implementazione simultanea per l'utilizzo ottimale dell’Access Point e della capacità della rete, massimizzando il ritorno sugli investimenti fatti per la rete wireless.”

Il nuovo sistema ibrido wireless includerà un nuovo controller software SCA, denominato AWC Channel Blanket (AWC-CB), che utilizza la tecnologia di controllo wireless brevettata di Allied Telesis. Viene quindi spiegato che mentre la maggior parte delle reti WiFi tradizionali utilizza un'architettura multicanale (MCA) in cui gli AP operano su una serie di canali fissi per non entrare in conflitto con gli AP adiacenti, l'architettura single-channel (SCA), spesso indicata come “channel blanket”, ha tutti gli AP che operano sullo stesso canale, con un controller intelligente che gestisce i meccanismi di accesso ai dispositivi. Quindi è possibile gestire un numero elevato di utenti mobili che vedono i punti di accesso come un unico AP permettendo un roaming senza interruzioni, inoltre viene offerta la compatibilità con una vasta gamma di client wireless e la possibilità di fare installazioni di AP con alta densità senza interferenze. Ad AWC-CB si affianca un nuovo AP wireless a doppio protocollo, il TQ5403 che supporterà simultaneamente le modalità SCA e MCA utilizzando un unico controller. 

Far co-esistere
“L’esperienza maturata sulla tecnologia Single channel ci ha permesso di rilevarne i molteplici benefici, anche in situazioni laddove la co-esistenza di client di nuova generazione e legacy è necessaria all’operatività aziendale (si parla di logistiche e unità produttive ad altamente automatizzati)”, commenta Patrich Villa, Responsabile della BU di Fiore Srl per Wifi e Networking. “La nuova soluzione Ibrida” aggiunge Patrich, “ci permette di avere a disposizione una piattaforma unificata estremamente flessibile per incontrare le innumerevoli esigenze di mercato”.

 
TAG: Networking

TORNA INDIETRO >>