Estate 2020
Datacenter
 

11/02/2014

Share    

Allied Telesis: reti e cloud, un binomio inseparabile

Il nuovo Allied Telesis Management Framework (AMF) riduce il costo e la complessità della gestione delle reti enterprise salvaguardando gli investimenti preesistenti

Si parla tanto di cloud, ma siamo sicuri che il termine abbia un significato univoco? “Proprio per capire il reale livello di percezione del fenomeno e la propensione delle aziende a investire in questa direzione abbiamo deciso di svolgere un’indagine che ha coinvolto più di 500 utenti finali - dice Antonella Santoro, vice president marketing Emea e CSA (Central South America) di Allied Telesis. Si tratta della prima iniziativa maturata nell’ambito della neonata Allied Telesis End User Society in Europa, supportata da un microsito dedicato (www.cloudreadynet-works.eu)”. Le prime evidenze parlano chiaro: cloud è una parola che ha molti significati, non una singola tecnologia (visto che è basato sul client-server, ormai disponibile da più di vent’anni). Il cloud, quindi, è percepito in vari modi: virtualizzazione dell’IT, accesso a informazioni e risorse da ogni luogo, con qualsiasi device, fruizione as-a-service delle risorse (XaaS), auto-provisioning. “Una cosa, però, è certa - prosegue Santoro. Qualunque sia la percezione del cloud e la strategia adottata per avvicinarvisi, non si può prescindere da una rete sempre funzionante che deve essere resiliente, scalabile e semplice da gestire”.


Un nuovo framework
Proprio per garantire reti ‘cloud ready’ Allied Telesis ha introdotto Allied Telesis Management Framework (AMF), una soluzione che rende possibile la gestione integrata di tutta la rete aziendale, con il beneficio immediato di ridurne la complessità nonché il tempo e le risorse per gestirla. Caratteristiche principali del nuovo framework sono la gestione centralizzata, l’auto back up e l’aggiornamento automatico delle configurazioni, il provisioning automatico e l’auto-recovery, che rendono la rete plug & play e la sua gestione ‘zero touch’. “Si discute tanto di SDN (software defined networking) - argomenta Santoro - ma ci vorrà tempo prima che si a™ffermi davvero. I nostri laboratori hanno sviluppato la tecnologia AMF per mettere a disposizione di tutti i clienti enterprise vantaggi simili a quelli dell’SDN (automazione di alcune operazioni e semplificazione della configurazione e del management delle reti) salvaguardando gli investimenti eff™ettuati nel corso del tempo”.

 
TAG: Networking

TORNA INDIETRO >>