Eventi 2017 secondo semestre e 2018
Sicurezza - Applicazioni
 

11/04/2017

Share    

aizoOn mette l’Intelligenza Artificiale a servizio della protezione del business

Con il machine learning e l’attenta analisi dei segnali deboli è possibile proteggere dati e sistemi aziendali anticipando i rischi digitali.

© santiago silver – Fotolia.com

L’intelligenza artificiale è ormai globalmente riconosciuta quale potente alleato nella rilevazione anticipata delle minacce informatiche avanzate. La reale efficacia degli strumenti basati su questa tecnologia dipende dalla capacità di integrazione della conoscenza degli analisti di cyber security, di rimozione del rumore di fondo e di visualizzazione degli allarmi in modo da abilitare la tempestiva azione degli esperti.

Di fatto, secondo quanto emerge dall’esperienza di aizoOn, nella maggior parte degli attacchi registrati negli ultimi anni, l’analisi e lo studio comportamentale dei nodi della rete volta a identificare i comportamenti anomali si è dimostrata importante almeno quanto la protezione del perimetro. “Questo però non basta. occorre anche avere a disposizione strumenti che consentano di filtrare il rumore di fondo generato dalla normale attività della rete, strumenti che siano in grado di fornire agli analisti di sicurezza le informazioni necessarie a prendere decisioni cruciali in tempi spesso molto ristretti (se un attacco può durare mesi o anche anni, la fase di esfiltrazione è in genere molto più veloce”, commenta Federico Cornagliotto, Director di aizoOn e VP per la Cyber Security.

aizoOn, società attiva da oltre dieci anni nel settore della Cyber Security, ha investito in tal senso per sviluppare e offrire al mercato un prodotto che mettesse al centro una grande innovazione. “In aizoOn la gestione del rischio digitale è la nostra sfida, forti di un esperienza decennale in Cyber Security e Data Analytics, abbiamo ideato aramis: una innovativa piattaforma di network security che mette l’intelligenza artificiale al servizio dell’intelligenza umana, per consentire agli analisti di cogliere i segnali deboli”, prosegue Cornagliotto.

aramis viene quindi descritto come un sistema avanzato che permette un monitoraggio del network accurato, veloce e senza interruzione indipendentemente dal livello di complessità dell’organizzazione. “aramis utilizza uno speciale motore di Machine Learning ed AdvancedCyber Analytics (ACA) per permettono all’organizzazione di identificare minacce sconosciute all’interno del loro perimetro favorendo l’analisi umana attraverso dashboard cognitive. Grazie all’utilizzo di tali tecniche e all’aggiunta di una threat Intelligence generata dal Malware Lab e aggregata insieme a informazioni disponibili pubblicamente, aramis consente di monitorare la propria rete in modo efficiente e di ricavare informazioni dettagliate e accurate quando servono”, conclude Cornagliotto.

 

TORNA INDIETRO >>