IoT Conference 2019
Sicurezza - Mobile/Wireless
 

04/11/2015

Share    

Airwatch è al servizio della Business Mobility

La società di VMware tutela le informazioni aziendali e aggiorna le sue soluzioni agli ultimi sistemi operativi. Le prospettive dell'acquisizione di Boxer

Non c'è dubbio che oggi quello della business mobility sia uno dei paradigmi con i quali le aziende di ogni dimensione devono confrontarsi. L'utilizzo di device sempre più potenti e integrati con l'ecosistema aziendale ha via via cambiato in modo sostanziale il modo di lavorare, introducendo nel contempo delle nuove sfide per chi doveva assicurare la protezione dei dati e l'efficienza dei processi di gestione nel loro complesso.

Nata nel 2003 per mettere in sicurezza i dispositivi mobili e supportando quindi i tre pilastri del Mobile Device Management, Mobile Application Management e Mobile Email Management, anche sull'onda del fenomeno del Bring Your Own Device (BYOD), Airwatch (da circa un anno parte della 'federazione' di EMC) ha fatto nel tempo evolvere la sua offerta coprendo anche il tema del Mobile Content Management dove propone la soluzione Content Locker che protegge i contenuti sensibili all'interno di un container. Il tutto gestito attraverso un'applicazione centrale per l'accesso, la distribuzione, l'aggiornamento e la distribuzione dei documenti in mobilità “Possiamo dire di essere stati degli innovatori di questo settore, sul quale impegniamo un terzo del nostro fatturato in ricerca e sviluppo”, spiega Marenza Altieri-Douglas, Enterprise Account Executive di AirWatch. “Oggi, di fatto, non si parla più solo di gestione del dispositivo bensì di un insieme integrato di caratteristiche che risponde al nome di Enterprise Mobility Management, il che – nonostante il nome - non significa solo grandi aziende ma anche piccole realtà come studi professionali con magari solo una decina di dispositivi che devono comunque accedere in sicurezza a documenti riservati. Da questo punto di vista, abbiamo clienti operativi in ogni settore verticale, spaziando dalla piccola alla grande dimensione, dal manifatturiero agli studi professionali”.

Per incrementare ulteriormente il proprio raggio d'azione, Airwatch si aspetta molto dalla recente acquisizione che VMware ha fatto di Boxer, società specializzata in soluzioni di Personal Information Management (PIM). “Nella sostanza Boxer si occupa di tutto quanto riguarda le informazioni personali contenute nelle e-mail, nei calendari… e la nostra proposizione ne beneficerà in quanto, nata dal consumer, Boxer ha poi spostato il suo raggio d'azione anche sul mondo aziendale”, commenta Altieri-Douglas, citando un contesto che, anche per via del fenomeno della consumerization, ha visto sostanzialmente gli utenti affidarsi per le proprie comunicazioni professionali a servizi non nati per il mondo business. Boxer, di fatto, supporta tra le più diffuse soluzioni di produttività in cloud così come di social networking sul mercato per garantire la sicurezza dei dati veicolati e contenuti nelle rispettive app e funzioni.

Al di là del futuro legato all'affiancamento del team Boxer, Airwatch continuerà comunque a focalizzarsi sul mondo dei dispositivi mobili, puntando su una strategia che mette al centro la flessibilità di approccio per il rilascio di un prodotto user friendly ma che garantisca nel contempo i massimi parametri di sicurezza allineandosi alle ultime novità di mercato. “Siamo costantemente aggiornati, tanto che lo stesso giorno dell'uscita di iOS 9 la nostra piattaforma era già pronta al suo supporto con funzionalità rinnovate. Tra queste quelle indirizzate alla gestione degli accessi delle app alle reti di telecomunicazione, alle restrizioni in base ai profili e controllo e all'approvazione degli aggiornamenti a un nuovo sistema operativo. Allo stesso modo supportiamo anche Windows 10 dando ai nostri clienti la possibilità di sfruttare le funzionalità di data-loss prevention del nuovo sistema operativo Microsoft tra le quali quelle di protezione dai malware, e per l'installazione di software fidato e la verifica della compliance”, conclude Altieri-Douglas.
 

 

TORNA INDIETRO >>