Aruba - Microsoft
Mercati Verticali - Servizi - Sicurezza
 

16/02/2017

Share    

Achab al fianco dei service provider

Il distributore di soluzioni software consente ai fornitori di servizi IT di differenziarsi grazie a brand innovativi che forniscono funzionalità di ultimissima generazione in modo semplice e a costi sostenibili.

Claudio PaneraiDa sempre l’esigenza delle aziende è quella di dotarsi di infrastrutture IT flessibili, efficaci ed economicamente sostenibili. “Con i nuovi trend tecnologi, quali cloud e mobility, e un cyber crime sempre più aggressivo, questo sta diventando sempre più difficile”, commenta Claudio Panerai, CTO di Achab, azienda che da oltre 20 anni porta in Italia soluzioni in grado di fornire risposte concrete in tutti i principali ambiti ICT, dalla messaggistica alla connettività, dalla sicurezza alla gestione delle reti, dal back up al disaster recovery. “La nostra peculiarità - prosegue Panerai - è quella di individuare, grazie a una costante attività di scouting, vendor in grado realmente di ottimizzare il TCO dei sistemi informativi. Questo richiede un lavoro iniziale molto impegnativo, teso a spiegare da un lato le problematiche - a volte ancora latenti - che devono essere affrontate per restare sempre al passo con i tempi, dall’altro i vantaggi che offrono le soluzioni che suggeriamo”.

È stato così, ad esempio, per Webroot, una soluzione di security e antivirus che non richiede aggiornamento (non utilizza infatti le ‘firme’ come i tradizionali antivirus), basata su cloud e facile da gestire attraverso una consolle centralizzata, dall’impatto quasi nullo sui sistemi e molto competitiva a livello economico: completamente sconosciuta in Italia, nel giro di circa 24 mesi è arrivata a fatturare oltre 1 milione di Euro. Altri brand proposti da Achab stanno seguendo lo stesso percorso, come ad esempio Datto, una soluzione di business continuity che integra backup e recovery permettendo di tornare operativi in tempi molto rapidi anche nel caso di perdita di dati o crash totale dei sistemi informatici, o ancora Kaseya e Autotask Endpoint Management (AEM), piattaforme cloud per la gestione da remoto dei sistemi IT.

Tutte le soluzioni proposte da Achab vanno nella stessa direzione: consentire agli operatori di canale di evolvere da fornitori di prodotto a fornitori di servizio. “È un trend irreversibile, che apre nuove opportunità di business - evidenzia Panerai. In un mercato IT sempre più guidato dal software, il canale infatti oggi gioca un ruolo ancora più importante che in passato, perché sapere integrare in modo coerente ed efficace soluzioni anche molto diverse tra loro è tutt’altro che banale”. La capacità di interpretare correttamente le esigenze del mercato è testimoniato dai numeri: nel 2016, infatti, Achab ha registrato un fatturato di 5,3 milioni di euro, in crescita del 5,5% rispetto all’anno precedente, e le prospettive per il 2017 sono anche migliori.

 

TORNA INDIETRO >>