Regent
Sicurezza
 

27/01/2014

Share    

A Expo 2015 si entrerà grazie a Came

Il sistema integrato di controllo accessi adotta anche un tornello in grado di gestire più tipologie di titolo di ingresso

Dovrà gestire anche picchi di 250.000 persone il sistema di controllo accessi per la sorveglianza, il comando e la regolazione dei dispositivi di automazione degli ingressi pedonali e veicolari, dei parcheggi, dei padiglioni e delle altre infrastrutture del sito espositivo che Came ha progettato per l’ingresso degli oltre 20 milioni di visitatori attesi da tutto il mondo in occasione di Expo Milano 2015. Nel dettaglio, la soluzione proposta dall’azienda veneta è stata studiata per anticipare i bisogni del territorio in modo tale da lasciare poi in eredità alla città un modello tecnologico di riferimento all’avanguardia. Il sistema, in particolare, è in grado di dialogare con le tecnologie di controllo, sicurezza, sorveglianza e connettività più efficienti presenti oggi sul mercato. Questi alcuni dati presentati da Giuseppe Sala, Commissario Unico Delegato del Governo per Expo Milano 2015, e Paolo Menuzzo, Presidente di Came Group: gli accessi perimetrali del sito espositivo saranno controllati da 250 tornelli automatici, 40 dei quali appositamente progettati per gestire l’ingresso dei visitatori diversamente abili. Verranno poi integrate automazioni per cancelli scorrevoli e per barriere stradali e 80 dissuasori per la protezione e la selezione delle entrate perimetrali di passaggi carrai. Il sistema integrato di controllo accessi potrà infine essere monitorato anche attraverso 100 dispositivi palmari.

 

Un solo accesso per più titoli
Il progetto prevede l’adozione anche di un nuovo tornello ad hoc per Expo Milano 2015, in grado di leggere le varie tipologie di titoli d’ingresso, in formato cartaceo, QR Code, RFID o NFC e consentire quindi l’accesso dei visitatori e degli espositori anche da mobile, utilizzando smartphone e tablet. Ciascun tornello è, inoltre, dotato di un software per la lettura biometrica che permette l’ingresso esclusivamente a personale qualificato e abilitato. Il loro design è stato studiato per comunicare con i visitatori, anche attraverso segnalazioni luminose, rendendo più rapida la fase di accesso, riducendo code e lunghe attese. Came svilupperà infine soluzioni tecnologiche specifiche anche per i padiglioni dei Paesi partecipanti per agevolare l’entrata dei visitatori, in relazione alla diversa esigenza di fruibilità degli spazi.
 

 

TORNA INDIETRO >>