Atlassian
Applicazioni - Mobile/Wireless - Mercati Verticali
 

13/12/2017

Share    

di Paolo Morati

5G: a Milano si parte con le sperimentazioni

Presentato il progetto che coinvolge Vodafone. Una quarantina i casi d’uso già previsti.



È partita ufficialmente la sperimentazione della tecnologia di trasmissione 5G a Milano che, nelle parole dell’amministratore delegato di Vodafone Italia, Aldo Bisio, ne diventa capitale europea. L’operatore, che si è aggiudicato il bando pubblico indetto dal Ministero dello Sviluppo Economico, è quindi impegnato insieme a 28 partner e al Politecnico di Milano su un progetto i cui numeri parlano per il prossimo anno di una copertura dell’80% dell’area metropolitana del capoluogo lombardo per poi arrivare alla totalità l'anno successivo.

“Quando è diventata chiara la necessità di avviare le sperimentazioni del 5G in alcune città italiane abbiamo offerto subito Milano. Ecco che si prefigura una vera occasione di stabilire una nostra leadership alla quale si dovrà associare anche un cambiamento nelle abitudini di aziende e cittadini nell’uso dei servizi, nonché nell’evoluzione dei rapporti tra pubblico e privato”, ha commentato il sindaco di Milano Giuseppe Sala.

“Milano sarà al primo posto in Europa come infrastruttura, compiendo un salto tecnologico importante su tre assi: quello della velocità fino a 10Gbps, delle latenze molto basse inferiori ai 10 millisecondi, fondamentali per applicazioni mission critical come ad esempio le self driving car o la robotica collaborativa, e del supporto pieno dell’Internet of Things, con previsioni di un milione di sensori per chilometro quadrato. Abbiamo pensato a 41 casi d’uso, con progetti molto specifici in sette ambiti:

- sanità e benessere

- sicurezza e sorveglianza

- smart energy, smart grid e smart city

- mobilità e trasporti

- manifattura e Industria 4.0

- education, learning, entertainment

- digital divide


Il tutto con investimenti da 90 milioni di euro”, ha quindi aggiunto Bisio, illustrando poi alcune iniziative che vanno dall’ambulanza connessa e sistemi di analisi e consulto medico da remoto, alll’urban cross traffic operativo tra veicoli passando ai droni per la sicurezza e al turismo 4.0 con la realtà aumentata fino ai robot per l’agricoltura di precisione. “Quindi Milano diventa capitale europea del 5G e di tutta ciò che chiamiamo Gigabit Society, realizzando quanto fino a solo un paio di anni fa era un sogno”.

“Se l’alta velocità ferroviaria ha accorciato le distanze tra le città, il 5G avvicina lavoratori e studenti attraverso una trasformazione mai vista prima, resa possibile con ingenti investimenti industriali, ma anche un grande progetto nazionale verso un grande laboratorio condiviso che permetterà di avere a disposizione un’infrastruttura valorizzabile da attività di ricerca e innovazione”, ha dal canto suo aggiunto Ferruccio Resta, rettore del Politecnico di Milano. Il progetto è sostenuto da Comune di Milano, Regione Lombardia e Città Metropolitana.

 

TORNA INDIETRO >>