Sicurezza ICT 2019
OfficeLayout
 

29/01/2018

Share    

di Raffaela Citterio

Quest'anno sarà ricco di novità per Crestron

Una presenza massiccia a ISE 2018 e l'inaugurazione della nuova sede di Milano caratterizzano i primi mesi dell'anno.

Anche quest'anno Crestron, da anni in prima linea nell'ideazione, progettazione e realizzazione di soluzioni per il controllo di edifici, campus e abitazioni contrassegnate dal più alto livello di integrazione, sicurezza e automazione, è tra i protagonisti di ISE, la più grande kermesse europea per l'universo professionale audio video, multimediale e del building management. ISE Europe è per Crestron il momento più importante dell'anno, in cui infonde tutte le sue energie. Prima e dopo la manifestazione i tecnici sono coinvolti nel montaggio/smontaggio, mentre nel corse dell'evento tutte le risorse commerciali, marketing e tecniche sono presenti presso lo stand, uno dei più grandi presenti in fiera, situato in posizione strategica, proprio di fronte all'ingresso, per fornire ai visitatori informazioni dettagliate relative alla propria offerta, condividere la propria esperienza ed ascoltare le esigenze sempre nuove che esprime il mercato. Per il mercato italiano però Crestron ha in serbo anche altre importanti novità, che abbiamo chiesto di commentare a Michela Conati, business manager Italy della società.

Michela ConatiPrevedete di incontrare molti operatori italiani a ISE 2018?
Certamente. Invitiamo infatti tutti i nostri system integrator, partner, consulenti, progettisti e alcuni dei principali clienti. Tutti sono i benvenuti e utilizzando il codice fornito da Crestron l'ingresso è gratuito. ISE è il palcoscenico ideale per presentare le ultime novità, ed è per questo che l'azienda vi investe in maniera consistente. I numeri lo confermano: siamo presenti con uno stand di 700 mq (il più grande mai realizzato) e una lounge privata ed esclusiva di 270 mq con uno staff proveniente da 23 Paesi (Italia, Belgio, Francia, Svizzera, Germania, Spagna, Medio Oriente, Russia, Europa dell'Est, Olanda, Norveglia, Finlandia, Svezia, Regni Unito, Stati Uniti, Sud Africa, turchia, Australia, Cina, India, Giappone, Israele e America Latina).

In quali iniziative siete coinvolti a ISE 2018?
Crestron è platinum sponsor di ISE 2018, e nel corso della manifestazione organizza numerosi eventi e momenti formativi. È possibile partecipare a corsi che toccano gli argomenti più caldi del momento, in modo da sfruttare al meglio la trasferta ad Amsterdam rientrando con un bagaglio di informazioni ricco e dettagliato. Partecipiamo inoltre al Consultant Summit, un appuntamento immancabile per tutti i progettisti, installatori e consulenti Crestron, organizziamo incontri mirati con la stampa e premiamo i progettisti più innovativi annunciando i vincitori dei Crestron Integration Awards, selezionati da un panel indipendente di figure professionali operanti in diversi settori. E, per finire, la ormai tradizionale CresFest, serata a tema con la partecipazione di importanti artisti.

Quali sono le novità principali presentate a ISE 2018?
Crestron sta attualmente dedicando molte energie al settore professionale. Ancora una volta la nostra piattaforma DigitalMedia sta dettando lo standard nella distribuzione dei segnali audio/video, offrendo la più vasta gamma di soluzioni disponibile sul mercato: wireless, streaming, via cavo dedicato (fibra e rame) e su infrastruttura Ethernet esistente. 
Già presentata in anteprima ad ISE 2017, la linea DigitalMedia NVX si è evoluta e completata nell'arco di quest'anno. Rimanendo salde le eccezionali prestazioni - trasferimento di segnali 4K60 4:4:4 HDR su infrastruttura di rete Gigabit  senza latenza rispettando tutti i più importanti standard di sicurezza ed autenticazione di rete (Active Directory, sicurezza 802.1X, codifica AES128) - DigitalMedia NVX risponde alle situazioni più complesse, fornendo ai nostri system integrator strumenti potenti che consentono loro di configurare un sistema di dimensioni importanti con estrema semplicità. Grazie al DM-XiO Director e alla sua interfaccia web, la configurazione degli endpoint è rapida e intuitiva, consentendo inoltre di creare matrici virtuali.
Già presentato ad ISE 2017, Crestron Mercury è diventato nel giro di un anno lo standard delle sale riunioni di medie/piccole dimensioni. Mercury ha subito notevoli aggiornamenti ed è ora Skype for Business nativo oltre a supportare AirPlay, consentendo lo streaming wireless di audio, video e foto e realizzando un "Bring Your Own Device" reale.
Grazie anche alla piattaforma cloud, è possibile implementare l'impostazione dei dispositivi e la gestione centralizzata delle licenze AirMedia senza dover intervenire direttamente sul device.
Per tutte le altre novità, non possiamo divulgare anticipazioni e proprio per questo vi invitiamo a visitarci al nostro stand.

DigitalMedia NVX

In Italia nel 2018 Crestron taglierà un altro traguardo: l'inaugurazione dei nuovi uffici di Milano, che si trasferiscono in una nuova sede. Quali sono i motivi che vi hanno spinto a questo passo e gli obiettivi che vi siete fissati?
Il progetto del nuovo ufficio è un momento entusiasmante e di grande rinnovo per tutti noi. Il primo passo è stato quello di trovare una location all'interno della città di Milano, che offrisse una disposizione degli spazi ottimali, in un edificio moderno ed elegante. La nostra nuova sede avrà spazi interni improntati ai nuovi paradigmi dello smart working, con una showroom che ci consentirà di accogliere utenti finali, progettisti, architetti, dealer e clienti in spazi piacevolmente arredati con una vista mozzafiato sulla città e sui monti che la circondano. Con un calendario annuale fitto di appuntamenti (oltre 70 corsi all'anno) il nostro obiettivo è predisporre una sala training funzionale e completamente attrezzata per ogni evenienza, al fine di fornire a tutto il nostro ecosistema un servizio all'altezza della nostra reputazione e delle loro aspettative.

Su quali mercati verticali pensate di focalizzarvi?
La trasformazione digitale in atto è dirompente: gli utenti oggi vogliono entrare in uno spazio e poter utilizzare qualsiasi dispositivo, senza doversi preoccupare di configurazioni o altro. Le organizzazioni pubbliche e private di ogni dimensione devono permetterlo, e l'unico modo per raggiungere questo obiettivo è una progettazione activity based attraverso la quale la tecnologia viene implementata in funzione all’uso previsto per quell’ambiente. Ci stiamo quindi interfacciando con nuovi interlocutori, in primis con le funzioni legate al Real Estate e al Facility Management, che hanno una chiara idea sugli spazi a disposizione e su come renderli appetibili, in seconda istanza con le funzioni IT impegnate a rendere disponibile una connettività facile e a implementare upgrade tecnologici, ma anche direttamente con le aziende utenti. Questo ci porta a interloquire non solo con aziende di grandi dimensioni ma anche con realtà medie o piccole, perché il nodo fondamentale per spazi all’avanguardia è individuare le attività specifiche dell’azienda e le relative necessità. Proprio bisogno di segmentare meglio il mercato e l'impegno che questo comporta è stato uno dei motivi principali che ci ha indotto a cambiare sede. La necessità di spazi adatti a ricevere questo tipo di pubblico ci ha spinto a trovare una soluzione facilmente raggiungibile che abbiamo potuto dotare delle tecnologie più innovative, al fine di far toccare con mano il tutto valore delle nostre soluzioni. 

Per tutte le informazioni relative alla partecipazione di Crestron a ISE 2018 clicca qui.

 

TORNA INDIETRO >>