Intelligenza Artificiale 2019

La Stampa 3D

Bologna - 28 Ottobre 2014

 

>> Elenco eventi 2014
Cassetta Group Cmf Marelli Energy Group Eos Sellteck
 

9.00 Registrazione dei partecipanti

9.30 Apertura dei lavori

9.45 The digital manufacturing revolution: la stampa 3D e il nuovo rinascimento della manifattura
La manifattura additiva (o stampa 3D) è una delle tecnologie disruptive che potrà stravolgere la manifattura tradizionale, abilitando una nuova rivoluzione industriale. Si tratta in primis di una rivoluzione tecnologica, nella misura in cui la produzione sottrattiva potrà essere sostituita da quella additiva, che aggiunge materiale a partire da un modello (3D) virtuale. Le recenti evoluzioni hanno fatto si che il principale ambito applicativo non sia più soltanto quello della prototipazione rapida, bensì quello della produzione in (piccola e media) serie di manufatti realmente impiegabili in esercizio, addirittura con performance superiori rispetto agli stessi prodotti realizzati con la tecnologia tradizionale. Wohlers stima che oggi più del 30% dei componenti di un qualsivoglia prodotto finito possa già essere realizzato con questa tecnica. Percentuale destinata a salire al 50% entro il 2020. Quanto sono effettivamente pronte le aziende (manifatturiere) Italiane a cogliere questa opportunità? La risposta alla ricerca che l’Università di Brescia sta conducendo in questi mesi.
Andrea Bacchetti, SCSM Supply Chain and Service Management Research Group (Università degli Studi di Brescia)

10.15 Stampanti 3D, una rassegna delle possibilità realizzative. Tecnologie, materiali, prezzi
Panoramica sulle varie soluzioni disponibili sul mercato, fasce orizzontali di utilizzatori (personal, professional, production/industrial); tipologie verticali di soluzione (a polvere di gesso, con multijet a resina, a cera per fusione, in sinterizzazione di plastiche e metalli); campi di applicazione tipici (visuale/architettonico, funzionale/ingegneristico, gioielleria, medicale, ecc).
Marco A. Marcuccio, Cmf Marelli

10.45 E-manufacturing riduzione dei costi e vantaggio competitivo
Presentazione delle soluzioni di e-Manufacturing per diversi settori industriali (aerospace, biomedical, automotive, industry & energy, tooling, lifestyle) sia in prospettiva di riduzione costi per vincere nel mercato globale sia di vantaggio competitivo grazie ad approcci progettuali innovativi. Sono illustrate le tecnologie di manifattura additiva sviluppate da EOS: le piattaforme per materiali plastici e fusione diretta di metallo. È descritto l’approccio per soluzioni complete prediletto da EOS: da software per una progettazione rivoluzionaria dei componenti, alle macchine e relativi accessori alle tecniche di superfinitura finale. Inoltre sono indicati i fattori considerati fondamentali da EOS per essere un’organizzazione dedicata a innovazione & stabilità di processo, qualità & supporto agli utilizzatori e sostenibilità per impatto ambientale. Si conclude con alcune suggerimenti tecnologici attualmente in sviluppo come ad esempio sistemi di controllo qualità on-line del processo produttivo .
Vito Chinellato, EOS

11.15 Coffee Break

12.00 Stampa 3D: dal dire al fare
Per moltissime industrie tipiche del made in Italy, come food, artigianato, moda, prodotti di design, industria motociclistica, automobilistica, aerospaziale, industria meccanica, medicale e in generale progettazione e prototipazione, esistono soluzioni basate sulla stampa 3D che consentono di realizzare vantaggi competitivi. Inserire il processo della stampa 3d in azienda, direttamente o appoggiandosi a un service esterno, richiede però una conoscenza adeguata delle fasi realizzative che si devono implementare per ottenere efficienza ed efficacia produttiva in linea con le proprie aspettative. L’intervento ha quindi l’obiettivo di illustrare in modo generale le fasi fondamentali della stampa 3D e quindi gli skill necessari per operare al meglio con questa nuova tecnologia.
Giancarlo Magnaghi, Titolare delle Società di Consulenza Studio Magnaghi e Cherry Consulting

12.30 La stampa 3D vista con gli occhi di chi ne fa una professione da oltre 15 anni
Trasferire le esperienze sulla pratica della stampa 3d alle aziende che oggi si avvicinano al tema e pensano di investire in questi sistemi di produzione
Damiano Vescovo, Selltek

13.00 Lunch

14.00 La riprogettazione è la chiave per rendere vincenti le soluzioni delle fabbricazione additiva
Le tecniche di fabbricazione additiva nate alla fine degli anni ’80 come soluzioni per la realizzazione di prototipi rapidi si sono progressivamente evolute sia in termini di prestazioni che di materiali disponibili sino a diventare delle valide alternative alle tecniche di produzione convenzionale laddove i volumi produttivi siano ridotti, settori potenziali di impiego sono l’aerospazio, il biomedicale e l’alta gamma dell’automobile.
Il successo della fabbricazione additiva non può prescindere dalla corretta progettazione dei componenti che deve essere effettuata tenendo conto dei vantaggi intrinseci della tecnologia. Con due esempi il primo nel settore dei polimeri termoplastici e il secondo nei metalli vengono evidenziati i vantaggi conseguibili dall’utilizzo della fabbricazione additiva e tramite un confronto economico con le tecniche di produzione convenzionali vengono individuati i punti di pareggio.
Ing. Elena Bassoli, Ricercatrice presso il Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari, Università di Modena e Reggio Emilia

14.30 Opportunità ma anche rischi con la Stampa 3D: difesa della proprietà intellettuale, azioni contro la contraffazione e la concorrenza sleale
La sempre maggiore diffusione della tecnologia di Stampa 3D offre notevoli opportunità nei più svariati campi applicativi ma sta comunque generando problemi reali o potenziali legati al furto di proprietà intellettuale con conseguenti risvolti di tipo legale. Si pensi ad esempio alla tutela del modello digitale una volta immesso in rete, alla tutela della stessa stampante 3d, laddove la filosofia “maker” chiede invece la condivisione delle idee creative, e si pensi anche alla tutela concessa a chi si vede invece riprodurre da un maker un prodotto già oggetto di privativa intellettuale. A tal proposito è necessario conoscere le azioni, civili e penali, nonchè le strategie che possono essere messe in atto a difesa delle creazione intellettuale e per evitare fastidiosii problemi con la giustizia per contraffazione dei prodotti e per concorrenza sleale.
Francesca Rimoldi, ISL Studio Legale

15.00 Premi e chiusura dei lavori